Arte Artisti
Corpo come linguaggio


La Body Art, il corpo come linguaggio, ha origini antichissime e riguarda il poter utilizzare il nostro corpo come strumento per parlare al mondo esterno: attraverso tatuaggi, piercing, pittura ed operazioni simili; a partire dalla fine degli anni ‘60, il corpo viene usato come forma di linguaggio estrema dalla corrente artistica della Body Art, gli artisti si esprimono soprattutto attraverso tagli e lacerazioni sulla carne, trasformismi vari ed umiliazioni sul corpo.

La corrente artistica della Body Art attinge alcune nozioni dall’espressionismo e dal teatro della crudeltà di Artaud. Alla base dell’utilizzo del corpo come linguaggio e come strumento per fare arte, c’è la voglia da parte degli artisti, di essere amati per come si è ed il desiderio narcisistico di mostrarsi per poter essere. La Body Art agisce nel presente, durante la durata della performance; attraverso l’uso del corpo come linguaggio questi artisti sottolineano il bisogno di essere accettati e di riacquistare, attraverso un atto presente, brutale e violento contro il proprio corpo, la propria identità, annullarsi per poi rinascere. Lo spettatore è un elemento importantissimo, senza di esso non avrebbe senso la Body Art, esso partecipa attivamente, tramite la sua emotività; la carica emotiva, sia dello spettatore che dell’artista, è un aspetto fondamentale del corpo come linguaggio e permette che l’atto ed il cambiamento si compiano. Come lo spettatore rimane scioccato dalla performance e ne riporta dentro “i segni” tornando a casa, anche il corpo dell’artista rimane segnato e impiegherà del tempo prima di guarire, ma l’artista interiormente si sentirà epurato rispetto a prima, essendosi esibito in questo atto “catartico”. L’uso di questo linguaggio estremo del corpo, gioca molto sull’aspetto attrazione-repulsione da parte dello spettatore, all’interno del macabro rituale che si mette in atto (dove solo attraverso l’arte è permessa l’approvazione sociale), in cui tornano a galla gli istinti primordiali dell’osservatore e si installa un legame intenso di complicità tra artista e fruitore, che permette al primo di stare bene ed al secondo di tirare fuori le sue intime e peggiori emozioni.

Questo modo di esprimersi attraverso un linguaggio così crudele, ed allo stesso tempo spontaneo, che prescinde dalle regole morali della società e rimette in gioco tutto, fa vedere il rovescio, la precarietà del concetto di normalità e della vita stessa. La caratteristica della Body Art degli anni ’70 è il contenuto ideologico di ribellione contro la morale comune; molto importante è anche l’esaltazione di connotazioni sessuali. Il linguaggio del corpo degli anni ’90, pur rimanendo cruento e mortificante, muta, non ha più quella connotazione ideologica degli inizi ed aggiunge nuovi significati: le identità mutanti, l’ibridismo e le contaminazioni tecnologiche.
Per chi desideri ulteriori approfondimenti sulla Body Art, molto acuto ed approfondito è il testo di Lea Vergine “Il corpo come linguaggio. Body Art e storie simili.”, edito per la prima volta nel 1974.

 
SEO Søgemaskineoptimering - SEO
Adami Partners

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information