Arte Artisti
Flavia Benedetti

 

© Flavia Benedetti - Logo



Flavia Benedetti è una scultrice nata a Roma il 20-8-1976, diplomata in Scultura presso l’Accademia di Belle Arti di Roma nel 2000, con la tesi sullo scultore Pietro Consagra.
Le opere della scultrice F. Benedetti sono di tipo astratto, sempre molto colorate e di tematiche gioiose; spesso le sculture hanno dei contenuti rilevanti e possono avere diverse interpretazioni non sempre immediatamente chiare all’osservatore; le ultime opere hanno dei titoli che fanno riferimento ad alcuni segni grafologici (essendo la scultrice anche Consulente Grafologa).
I principali materiali che vengono utilizzati dalla scultrice sono quadrelli di ferro piegati e saldati e il metacrilato colorato; difatti utilizzati in un certo modo possono andare in sintonia e formare una scultura dotata di un suo equilibrio. Questo equilibrio viene dato dal colore e dalla forma; importante è soprattutto, a detta di F. Benedetti, il peso visivo delle parti e non il peso reale della materia.
Le sculture, in particolar modo le ultime, occupano lo spazio in maniera discreta, anzi in alcuni punti si fondono con esso; sono molto legate all’illuminazione e questo grazie al metacrilato che, trasparente o satinato, crea dei giochi di ombre, luci, immagini di sculture doppie.
Alla scultrice F. Benedetti piace realizzare opere quasi piatte perché è più facile notare in esse la nettezza dei tratti ed evidenziare i vari elementi poiché hanno un unico punto di vista.
Importante per la scultrice è anche il fatto che molte opere si appendano come quadri e questo riesce a mettere ancora più in evidenza il contrasto tra figura e sfondo.

Commenti della scultrice Flavia Benedetti sulla scelta dello stile e del materiale con cui realizza le sculture:
"Sono convinta che ferro e metacrilato se usati in un certo modo possano andare in sintonia e formare una scultura che abbia un equilibrio. Questo equilibrio viene dato dal colore e dalla forma, importante infatti è il peso visivo delle parti e non il peso reale della materia.
Il ferro è un materiale che basta piegarlo leggermente per poter prendere una valenza ed una prospettiva totalmente differente. I quadrelli di ferro, specialmente quelli più sottili, si piegano con estrema facilità ed hanno un’eleganza di movimento che si fonde con lo spazio circostante poiché lo occupano in maniera discreta, in particolar modo il colore nero fa sì che l’elemento si possa notare meno se si osserva lo sfondo, ma che prenda invece rilevanza se si guarda la scultura. Ovviamente quando inserisco un colore non lo faccio mai per caso, voglio che quella parte risalti di più.
Amo far vedere bulloni ed elementi costruttivi che uniscono il metacrilato ed il ferro e questo perché quei pezzettini utili e meccanici (viti, bulloni, rondelle) che si usano nella quotidianità, hanno anche una bellezza propria che si può decontestualizzare e guardare come elemento assestante.



© Flavia Benedetti - La Civetteria si fa Spavalda© Flavia Benedetti - L'Attesa prima dell'Assalto



 

© Flavia Benedetti - Geometrie-Trasparenze



Per ulteriori informazioni sulle opere della scultrice Flavia Benedetti potete visitare il sito: L'arte del ferro e del vetro.
 
SEO Søgemaskineoptimering - SEO
Adami Partners

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information