Arte Artisti
Marina Abramovic


Marina Abramovic
è un’artista serba, nata nel 1946 a Belgrado, specializzata in Performance Art e Body Art; nella sua carriera artistica, ancora in corso, esprime quindi attraverso il suo corpo, e con gesti a volte estremi, vari aspetti della femminilità, della sessualità, momenti del quotidiano, e interpreta temi di etica e socialità della realtà contemporanea. Marina Abramovic studia all’Accademia di Belle Arti di Belgrado e di Zagreb e crea le sue prime performance nei primi anni ’70; fin dall’inizio il suo lavoro indaga il rapporto tra artista e pubblico, i limiti e le capacità del corpo e della mente. Un momento molto alto della sua carriera fu nel 1997 quando vinse il Leone d’Oro alla XLVII Biennale di Venezia con la performance Balkan Baroque nel corso della quale lavava scheletri seduta su una pila di ossa animali, come atto di purificazione per la sanguinosa guerra dei Balcani.
Leggi tutto...
 
Sculture di ghiaccio

Vi piace la neve ed il ghiaccio e siete curiosi di scoprire che potenzialità plastiche possono avere e che strumenti servono per realizzare delle sculture? Bene, per scolpire il ghiaccio bastano filo di ferro, raspe ed altri accessori a metà tra quelli che utilizzano gli scultori e quelli dei manovali, sicuramente per grandi opere sono banditi piccoli arnesi di precisione; vi segnaliamo alcuni festival ed eventi dove potrete osservare dal vivo gli scultori all’opera…

Iniziamo da un evento di notevole interesse che ogni anno viene organizzato in Belgio, a Brugel: è il Festival delle sculture di ghiaccio e neve (il sito è in inglese), uno spettacolo maestoso dove fantasiose sculture illuminate in maniera sapiente e colorata, prendono corpo in un freddissimo e magico mondo. Sono scultori professionisti che realizzano le loro opere in un grande capannone che permette di conservare il ghiaccio alla giusta temperatura.
Un altro interessante festival che viene organizzato in Italia, questa volta vicino Bolzano, è il Festival Internazionale Sculture di Neve San Candido - San Virgilio. La partecipazione è a squadre, ogni gruppo interviene con la sua manualità e fantasia su un grande blocco di neve posizionato in un punto della città, le opere di ghiaccio e neve possono essere completate entro i tre giorni previsti, e poi saranno valutate dai visitatori della mostra itinerante.
All’interno del sito Art in Ice concorso internazionale di sculture di neve, che ogni anno viene organizzato a Livigno; possono partecipare scultori internazionali che inviano ipotesi di progetti e bozzetti da realizzare poi con ghiaccio e neve.
Progettano anche interessanti corsi per imparare a creare sculture di ghiaccio e neve, gratuiti ed aperti a tutti, ai quali possono partecipare anche i bambini.
Infine per tutti gli appassionati di architettura e design nonché curiosi dei possibili utilizzi del ghiaccio, segnaliamo il sito in inglese dell’Ice hotel, situato in Svezia, albergo conosciuto in tutto il mondo per la particolarità di essere realizzato interamente in ghiaccio. Ogni anno in primavera, il ghiaccio si scioglie e l’albergo viene totalmente distrutto e ricostruito l’anno successivo. Di notevole interesse sono gli arredi modellati interamente come sculture e gli interni della chiesa con bassorilievi scolpiti sul ghiaccio e sorprendenti decorazioni realizzate da importanti creativi e designer per stupire e affascinare i visitatori con atmosfere create per un mondo incantato.
 
Cesar Manrique


César Manrique (1919 - 1992), è un artista nato e cresciuto a Lanzarote (nelle Canarie); pittore, scultore e architetto, ha realizzato, con grande maestria e rispetto del contesto naturale, la maggior parte degli allestimenti e sistemazioni di giardini e ville situati nell’isola. Di César Manrique possiamo ricordare la “Queva de los Verdes” (una parte accessibile al pubblico di una lunga grotta naturale, in parte allo stesso livello del mare, creatasi attraverso un’eruzione vulcanica ed utilizzata dalla lava stessa come tunnel per giungere fino al mare); la sistemazione del “Mirador del Rio” (struttura situata in una parte dell’isola molto panoramica, con rocce a strapiombo sul mare); la creazione del “Jardin de Cactus”, (un parco completamente dedicato alle diverse varietà di cactus provenienti da tutto il mondo); la realizzazione del “Monumento al Campesino”, (una piazza con una grande scultura dedicata ai contadini di Lanzarote e alle loro antiche tradizioni rurali, con annesso museo etnografico dove sono documentate le varie tradizioni della semplice cultura lanzarotina); l’allestimento di alcuni spazi, all'interno di una spettacolare villa (LagOmar, situata a Nazaret, acquistata e posseduta per brevissimo tempo da Omar Sharif e poi persa al gioco); la creazione di un enorme parco marittimo a Tenerife e, non per ultima, l’incantevole Fondazione di César Manrique, posizionata sopra antiche colate laviche, interessante connubio tra natura ed arte.
All’interno del sito del Centro Turistico di Lanzarote potrete trovare tutte le informazioni sulle varie attrazioni dell’isola, realizzate e sistemate da César Manrique ed informazioni biografiche su vita ed opere dello stesso autore.
Tra le opere di Manrique possiamo citare numerosi dipinti astratti dove ripropone i caldi colori della roccia lavica e dà un’idea dell’ambiente primitivo e selvaggio delle Canarie; coloratissimi murales e sculture. Alcune sculture sono realizzate in ferro e rappresentano in maniera schematica, attraverso un logo, le principali attrazioni di Lanzarote. Molto interessanti sono le sculture cinetiche, quelle che César Manrique chiama “Wind Toys”; sfruttando il forte e perenne vento di Lanzarote (e per ricordare i vecchi mulini a vento che ormai stanno scomparendo), Manrique realizza numerose opere in ferro anche di grandi dimensioni, posizionate in punti strategici; sono sculture pesanti con forme geometriche che ruotano, girano, oscillano spinte dal vento, contrapponendo movimenti di forme piene e forme vuote che si attraversano le une nelle altre, in un perenne movimento.



Scultura Cesar Manrique - © Arte-Artisti

Una scultura cinetica di César Manrique

 
Performance Arte


La Performance è una modalità di fare arte, che permette all’artista, dove e quando vuole, di attuare un evento artistico, che costituisce l’opera stessa. È molto utilizzata anche da numerosi autori di Body Art, per i quali è importante spettacolarizzare l’evento stesso e superare i limiti della morale comune, rendere pubblico un episodio naturale ed estremamente intimo, esibendo il proprio corpo attraverso dei movimenti accompagnati dalla musica oppure utilizzare il proprio corpo in maniera mortificante e autolesionista, attraverso azioni o “rituali” che acquistano senso solamente grazie alla partecipazione emotiva del pubblico (che ha un’importanza fondamentale per la riuscita della performance, perché non è più considerato come fruitore passivo). Per ulteriori dettagli sulle Performance Arte, potete leggere la pagina di Wikipedia che spiega tutte le caratteristiche di questo tipo di “live art”.
Leggi tutto...
 
Concorsi Design

Per tutti i creativi, giovani studenti e designer professionisti, per persone che amano sfidare concetti e modi di vivere quotidiani con idee nuove, di seguito indichiamo alcuni concorsi di design di vario tipo, organizzati nel 2012:

Ultimo aggiornamento Venerdì 01 Giugno 2012 11:22
Leggi tutto...
 
Laboratori Arte Orafa


Una selezione di alcuni laboratori di arte orafa, scuole di orefici e accademie di oreficeria italiane che organizzano corsi specifici del settore: oreficeria, gemmologia, sbalzo e cesello, disegno del gioiello al computer, incisione metalli preziosi, design del gioiello, incassatura, lavorazione della cera...

Leggi tutto...
 
Festival Arte

 

Se cercate alcuni festival d'arte italiani, abbiamo dedicato una categoria ai Festival dell'Arte; gli articoli sono dedicati ad un singolo festival: artisti di strada, cortometraggi, film, arte contemporanea, murales, danza, teatro...


 

 
Festival di Musica

Per tutti gli amanti della musica e gli appassionati di grandi manifestazioni artistiche, in questa pagina segnaliamo in ordine cronologico alcuni festival di musica di ogni genere ( Pop, Rock, Metal, Blues, Hip Hop, Reggae, Afro, World Music, Folk, Elettronica, Jazz, Classica, Gospel...)

Dal 20 febbraio al 27 marzo 2010, per il settimo anno consecutivo, torna con un cartellone di respiro internazionale l’attesa manifestazione Piacenza Jazz Fest, momento clou dell’attività dell’Associazione culturale Piacenza Jazz Club e palcoscenico d’eccezione per il circuito jazz italiano. Il Festival di musica "Piacenza Jazz Fest" coinvolgerà le città di Piacenza e Fiorenzuola D’Arda (PC) e si preannuncia come un evento di grande interesse e richiamo per gli appassionati del genere. Cinque gli spazi scelti per mettere in scena questa nuova edizione della kermesse: il Teatro “President”, lo spazio “Le Rotative”, la “Sala dei Teatini” e il Salone del Conservatorio “G. Nicolini” a Piacenza e il Teatro “Verdi” a Fiorenzuola d’Arda (PC). La manifestazione presenta anche quest’anno un cartellone di tutto rispetto: accanto a solisti ed ensemble d’eccezione e dal sapore internazionale, che testimoniano un’apertura a 360 gradi verso le traiettorie e le tendenze della musica jazz contemporanea, tornano le iniziative collaterali, di carattere musicale e culturale, che confermano la levatura artistica di un evento capace di intercettare il pubblico più vario, rappresentando un’ottima occasione di socializzazione, per i piacentini e non solo.
Dal 12 marzo al 26 giugno 2010
, si svolgerà il III Festival Internazionale di Musica Classica del Medio Olona; lo scopo della manifestazione è quello di promuovere la musica classica nel territorio del Medio Olona con l'organizzazione di concerti di alto spessore artistico, offrendo a tutti la possibilità di ascoltare gratuitamente musica di grande qualità. Diverse sono le nazionalità degli esecutori del festival, come diverse sono le loro tradizioni musicali e il repertorio proposto nei concerti spazia in ogni epoca e stile della musica, dal barocco al contemporaneo. Il tema unificatore di questo Festival di musica è racchiuso nella frase ¨Musica, apertura all’infinito¨ che prende spunto da una poesia di Khalil Gibran, dove emerge in maniera evidente come il cuore e l'anima di ogni uomo di fronte alla bellezza artistica, in questo caso la musica, si aprano all'infinito, cioè a quel desiderio di compimento e di felicità iscritto nel cuore di ognuno.
Dal 16 al 18 luglio 2010, si terrà il Varese Gospel Festival, che raccoglie in un’unica rassegna le migliori formazioni internazionali, consentendo un vitale scambio artistico e professionale, permettere agli amanti della musica Gospel di conoscere ed ascoltare artisti eccezionali, trasformare un appuntamento consueto e popolare in un evento musicale di valore. Durante i concerti di musica Gospel, si assiste a un totale coinvolgimento della platea, che risponde con sorpreso entusiasmo a quanto sta seguendo. Ciò avviene per la capacità e l’immediatezza con cui le voci sono capaci di comunicare emozioni... Per ulteriori informazioni potete visitare il sito dedicato al Festival di musica Gospel di Varese.
Dall'
11 al 17 agosto 2010, si svolgerà nell'Isola di Obuda la diciassettesima edizione del Sziget Festival, il più grande festival di musica europeo, è un evento unico nel suo genere, multimediale, aperto ad ogni espressione artistica e musicale, punto d’incontro di culture e tendenze disparate. Un festival in cui è possibile ascoltare ogni tipo di musica: Pop, Rock, Metal, Blues, Hip Hop, Reggae, Afro, World Music, Folk, Elettronica, Jazz, Classica ed ogni altra sperimentazione sonora. Ma il Sziget Festival è anche teatro, installazioni, mostre, danza, rassegne video e cinematografiche, sport estremi, cucina internazionale. Questo Festival di musica e noto anche come la “Woodstock sul Danubio” e ne eredita quello spirito di aggregazione pacifica e ne potenzia i numeri: 7 giorni no-stop, 1.000 spettacoli, 70.000 campeggiatori, 400.000 presenze in una settimana. Un’immensa vetrina per artisti e artigiani provenienti da tutto il mondo, con anche esibizioni di musicisti di fama mondiale.


 
Alexander Calder


Alexander Calder nacque vicino Philadelphia nel 1898 in una famiglia di artisti; il padre ed il nonno erano scultori di tradizione accademica. Dopo la laurea in ingegneria meccanica, Calder fece tantissimi lavori, tra cui anche l’illustratore.
Le prime sue sculture famose furono quelle in filo di ferro e legno, con le quali rappresentava figure circensi e caricature. Per numerosi anni, Alexander Calder continuò a coltivare la passione per il circo, costruiva dei circuiti-giocattolo i cui personaggi (clown, funamboli, animali) si muovevano animati da musica e suoni.
Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 Succ. > Fine >>

Pagina 2 di 5
SEO Søgemaskineoptimering - SEO
Adami Partners

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information